Come ridurre il punto vita

| |

In ogni stagione sono in tanti a voler cercare di ridurre il proprio punto vita. Come eliminare le maniglie dell’amore è una delle domande più richieste a personal trainer, nutrizionisti, dietologi e professionisti in questo settore. Non esistono delle vere e proprie scorciatoie, ma possiamo darvi dei preziosi consigli per raggiungere questo obiettivo il prima possibile.

Armatevi di tempo, pazienza e volontà, e riuscirete a ridurre il vostro punto vita, ottenendo un corpo più tonico e in forma.

Tanta attività cardio

L’attività motoria è tra le basi per ottenere un girovita davvero snello. L’attività cardio comprende la corsa, la camminata, la bicicletta e esercizi simili. Si basa sul tenere alta la frequenza cardiaca, così da poter bruciare i grassi in eccesso. In che modo possiamo fare attività cardio?

Non abbiamo bisogno di una palestra. Ci basta allenarci quotidianamente, ritagliando del tempo per affrontare lunghe camminate o vere e proprie sessioni di corsa. Iniziate con degli allenamenti che siano a vostra misura: se state fermi da molto tempo potreste preferire una camminata in salita a una corsa, che rischierebbe di farvi esaurire in pochi minuti le vostre energie. Di giorno in giorno la vostra resistenza aumenterà, e potrete aumentare il ritmo e l’intensità delle vostre sessioni di allenamento. Anche la bicicletta è un ottimo esercizio di questo tipo.

In palestra e in casa possiamo utilizzare strumenti come tapis roulant e cyclette, così da permetterci di allenarci senza dover uscire all’esterno. Si tratta di una soluzione ideale durante la cattiva stagione, quando il freddo e la pioggia potrebbero rendere davvero scomodo uscire di casa per correre o andare in bici. Grazie a questi strumenti possiamo gestire al meglio l’intensità del nostro sforzo: con la cyclette possiamo aumentare la resistenza dei pedali, mentre sul tapis roulant possiamo aumentare la velocità e la pendenza. Esistono anche altri ottimi prodotti per il fitness, come l’ellittica.

Non solo corsa

Oltre alla corsa possiamo allenarci attraverso dei circuiti di esercizi, ideati per tenere alto il nostro sforzo fisico. In questo modo riusciremo a mantenere la nostra frequenza cardiaca nella zona cardio ideale, eliminando il prima possibile il nostro accumulo di grassi.

Potete trovare tante schede di allenamento in rete, ma nelle palestre avete a disposizione dei corsi di tonificazione e dimagrimento che operano proprio seguendo questo principio. Se siete alle prime armi vi consigliamo di rivolgervi a dei professionisti, così da non rischiare di svolgere gli esercizi in maniera errata. Ripetere dei movimenti nella maniera sbagliata può portare nel tempo a infortuni e dolori muscolari di vario genere.

Bere tanta acqua

Un piccolo “trucco” per vedere risultati in tempi brevi è nel bere molta acqua. Bevendo molto stimoleremo la diuresi, favorendo l’eliminazione delle tossine presenti nel nostro corpo. In questo modo purificheremo il nostro organismo, eliminando anche i liquidi in eccesso. Si tratta di un’ottima soluzione contro la ritenzione idrica e il gonfiore.

Cercate di non esagerare: si tratta di un consiglio valido ma che va preso con le dovute pinze. In pochi giorni ci vedremo già più in forma, ma per continuare a dimagrire bisogna mangiare bene e praticare della corretta attività fisica.

Mangiare bene

Se volete dimagrire dovete assolutamente mangiare bene, e per farlo è il caso di essere seguiti da dei nutrizionisti o dei dietologi. In questo modo potremo gestire al meglio i nostri pasti, senza improvvisare. Ricordate che mangiare poco non equivale a mangiare bene, e i rischi di una alimentazione non sufficiente sono molti.

Noi possiamo comunque darvi alcuni consigli su alcuni alimenti davvero utili. In primis la vostra dieta deve contenere frutta e verdura. Questi alimenti contengono tanti liquidi, e aiutano a reintegrare i sali minerali all’interno del nostro corpo.

Anche i carboidrati non vanno sottovalutati: si tratta di elementi che forniscono energia al nostro corpo. L’importante è non esagerare, e lo stesso vale per gli altri macronutrienti.

Precedente

Ridurre le emissioni di CO2, un obiettivo concreto.

Quali sono le nazioni che inquinano di più?

Successivo

Lascia un commento